domenica 16 gennaio 2011

Forte Belvedere - Gschwent

Forte Belvedere-Gschwent fu realizzato dal Genio militare autroungarico sotto la direzione del tenente Rudolf Schneider nel quadriennio 1908-12 ed aveva il compito di difendere Trento in un settore particolarmente sensibile ad eventuali attacchi italiani. Con una guarnigione di circa 200 soldati sotto la guida di un tenente, la fortezza assolse pienamente alla propria funzione difensiva e di supporto alle azioni militari offensive.
Sebbene sottoposto ai pesanti bombardamenti provenienti dalle artiglierie italiane di posta a Porta Manazzo, Campolongo e Campomolon, seppe resistere malgrado i danni subiti: infatti, non appena i bombardamenti cessavano, i soldati del forte provvedevano al ripristino delle strutture lesionate.
Nel solo primo anno di guerra la fortezza ricevette più di mille colpi di grosso calibro, alcuni dei quali riuscirono a forare le strutture blindate, ed il 16 maggio 1916 l’esplosione di una granata italiana causò la morte di 9 soldati ed il ferimento di 18 loro compagni. Diversamente da quanto avvenne per le altre fortezze, demolite negli anni Trenta per recuperare il ferro in esse contenuto, Belvedere-Gschwent sfuggì alla distruzione postbellica per decreto del re Vittorio Emanuele III.
Di proprietà del Comune di Lavarone, che nel 2002 ha provveduto ad un accurato restauro e all’allestimento di percorsi tematici, oggi la fortezza si presenta al visitatore quale museo degli eventi più drammatici della Grande Guerra 1914-18. Belvedere-Gschwent è testimonianza unica ed imprescindibile di un conflitto che sconvolse l’Europa.
 Il forte Belvedere è adibito a museo della prima guerra mondiale
Fonte www.fortebelvedere.org

40 commenti:

  1. Very interesting- good image too...

    RispondiElimina
  2. Thank you very much for your visit Trevor
    Bye Sandro & Cristina

    RispondiElimina
  3. Grazie per queste informazioni importanti e per la foto, come sempre, eccezionale!
    Buona domenica,
    Lara

    RispondiElimina
  4. Grazie mille per essere passata a trovarci Lara.
    Buona domenica anche a te, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  5. ein foto von gewaltiger anziehungskraft.
    wo führt die treppe hin?
    ist am ende der treppe eine tür?
    was befindet sich dahinter?
    fragen, fragen, fragen..........
    für die fantasie ist die -TÜR- geöffnet.
    herzlichst lissi

    RispondiElimina
  6. Incredibile come un posto nella storia, tra gli altri, hanno resistito al tempo.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Si tratta di un Forte della Prima Guerra Mondiale Lissi, dopo le scale ci sono ancora dei corridoi e delle feriture dove erano piazzati i mortai.
    Grazie mille della visita.
    Un caro saluto, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  8. Verissimo Carolina, è veramente un monumento mantenuto benissimo, giustamente a monito per le nuove generazioni, perchè queste cose non debbano più succedere.
    Ciao ciao Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  9. Complimenti, foto storica molto bella un caro saluto GUIDO.

    RispondiElimina
  10. Un grandissimo piacere trovarti su questa foto Guido, grazie della visita.
    Un caro saluto, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  11. Preciosa imagen! Saludos, amigos!

    RispondiElimina
  12. Grazie mille della presenza Olga.
    Un abbraccio, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  13. Very interesting! I like it a lot!

    Have a nice day! :-)

    RispondiElimina
  14. L’inquadratura è molto sugerente. Questo innalzarsi lo sguardo, cercando di raggiungere la luce in fondo… Si, come dite voi, certe cose no dovrebbero più succedere.
    Salutone

    RispondiElimina
  15. Muy buena data me paració muy interesante, gracias por compartirlo!
    saludos!

    RispondiElimina
  16. Thank you very much for your visit Kenneth.
    Bye Sandro & Cristina

    RispondiElimina
  17. Grazie mille delle visita Salomé, e del bellissimo commento, grazie.
    Un salutone, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  18. Luz, thank you very much for your visit and vote.
    Greetings,Sandro & Cristina

    RispondiElimina
  19. Date con le vostre immagini alcune cose che altrimenti non conosceremmo mai....e oltre
    Grazie

    RispondiElimina
  20. Grazie mille per essere passato a trovarci.
    Un saluto, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  21. Thank you very much for your visit Soraia
    Regardds, Sandro & Cristina

    RispondiElimina
  22. Ciao Cri e San, no words...!!
    Un bacione buona serata

    RispondiElimina
  23. Concordiamo pienamente con te Minu...
    Buona serata anche a te, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  24. Un tunnel molto interessante e bella foto. Ciao Cri

    RispondiElimina
  25. Thank you very much for your visit dapazzi.
    Bye Sandro & Cristina

    RispondiElimina
  26. Sempre molto gentile Cristina, grazie mille per essere passata a trovarci.
    Un salutone, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  27. pgogo, thank you very much for your visit, we are glad of your comment.
    Greetings, Sandro & Cristina

    RispondiElimina
  28. Thank you very much for your visit Lily
    Bye Sandro & Cristina

    RispondiElimina
  29. Proprio una grande foto...Affascinante!!

    RispondiElimina
  30. Contenti che ti piaccia Cinthia, grazie della visita.
    Un caro saluto, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  31. Ehi questo blog è proprio una toccata di genio!
    Bellissimi posti!
    Complimenti!
    Saluti

    RispondiElimina
  32. Grazie mille per essere passata a trovarci Roberta, molto contenti che ti piaccia il nostro blog, ci aguriamo di averti spesso nostra ospite.
    Un grande saluto, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  33. Ci sono stato. Quanti ricordi personali. E quanti moniti sugli orrori delle guerre!

    RispondiElimina
  34. Contenti che tu abbia visitato questo forte Adriano, molto vicino a casa nostra.
    Un saluto, Sandro e Cristina

    RispondiElimina
  35. Grazie mille della visita Ermanno.
    Un saluto, Sandro & Cristina

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...